Un'adorabile fanciulla nel fiore degli anni si ritrova ad affrontare varie avventure in giro per il globo. Dopo Octavia S. sotto il cielo di Irlanda e Octavia S. Shanghai Baby, un'altra entusiasmante avventura della nostra rossa eroina, alle prese con Bologna e nuovi interessantissssssimi personaggi


























 
Archives
<< current













 
This is where you stick random tidbits of information about yourself.



























Imprevisto Dicembre
 
Friday, July 04, 2003  
Allora, se incontro un tipo alla Gary Cooper in "Arriva John Doe"

IO

ME LO SPOSO.

Peraltro, quanto mi è piaciuto quel film! Sono proprio una sentimentale. E anche un pò una ragazza credulona, ma dall'animo antico. A volte vorrei che la mia vita fosse un film di Frank Capra.
Il vecchio Frank non ci delude mai.

2:00 AM

Thursday, July 03, 2003  
Io sono il mio DJ

veramente, voglio essere io il mio dj.
Voglio mettermela su da sola la musica nella mia vita.
Ho molta voglia di cancellare il dolore, e le cose che mi danno la nausea e fastidio, nella mia mente, nei miei ricordi.
Cancellare non si può.
Ma sono solo ricordi.
Cose reali che adesso non ci sono più.
Non mi possono più fare male.
Respiro.
Soffio di aria fresca.
Forse posso cominciare a fare buon viso a cattivo gioco.

2:47 AM

Monday, June 30, 2003  
Penso di essere la persona più deprimente che conosca in questo momento.
Lontani sono i tempi in cui mi vestivo di rosa e ridevo, e facevo ghignare anche gli altri.
E nonostante le piccole cose che vanno storte ogni giorno ero allegra, e ironica.
Adesso non mi vesto più di rosa, rido e faccio ridere poco.
L'obiettivo non è più cercare di stare un pò zitta è far parlare anche gli altri, ma darsi un tono e togliersi quel velo di disperazione da maddalena pentita che inevitabilmente è calato sugli occhi da qualche mese a questa parte.
Sono un pò cambiata.
Ho letto il blog di Viola, di quel 28 dicembre in cui io e Juliet l'abbiamo chiamata dalla montagna, e le abbiamo illuminato la giornata con le nostre avventure alpine i nostri vin brulè, i racconti surreali delle mie discese in sci dai monti, con i capelli raccolti in una treccia e la tutina da sciatrice tutta rosa, tipo barbie chalet, mentre intanto in circolo nelle vene avevo più vin brulè che sangue.
Ero spensierata, più o meno.
Vedevo l'inizio di qualcosa, con alti e bassi e paure certo, ma vedevo un inizio.
Adesso c'è solo una fine che io non mi rassegno a vedere. E paura di andare avanti.
E pensieri, di una che in un anno si è presa tre scuffie per tre persone diverse, tre storie finite male, e con una persona in lacrime, sempre la stessa, sempre lei,
sempre io.
E la cosa più triste è che nessuno si ricorda il giorno del mio compleanno.
Ecco qual'è il problema.
E' questo.
Distribuisco pezzetti del mio cuore in giro troppo facilmente?
La cosa più strana è che in tutto questo avrei voglia di innamorarmi ancora, di nuovo.
Di qualcuno che stavolta tenesse a me sul serio, e fosse innamorato di me.
Dovrei studiare e non ne ho voglia. Dovrei fare un qualche progetto per quest'estate e non riesco a decidere neanche questo.
Non so che fare e non so dove andare, potrei spendere tutti i miei risparmi in un viaggetto a parigi, sola soletta.
Chi lo sa...

Paris Paris Paris

Non riesco a studiare
non ne ho voglia!!!

2:52 AM

 
This page is powered by Blogger.