Un'adorabile fanciulla nel fiore degli anni si ritrova ad affrontare varie avventure in giro per il globo. Dopo Octavia S. sotto il cielo di Irlanda e Octavia S. Shanghai Baby, un'altra entusiasmante avventura della nostra rossa eroina, alle prese con Bologna e nuovi interessantissssssimi personaggi


























 
Archives
<< current













 
This is where you stick random tidbits of information about yourself.



























Imprevisto Dicembre
 
Wednesday, June 04, 2003  
Forse ho fatto una minchiata.
E' ufficiale.
La dovrei piantare di cercare angeli salvatori pronti a mollare tutto quanto per venire in mio soccorso ogni volta che chiamo.
Ma io volevo solo fare una cosa carina, che mi mettesse un pò di allegria, in queste giornate...Comunque ormai quel che è fatto è fatto, magari poi non è ancora detto che io abbia proprio sbagliato.
Insomma, ultimamente mi sento un pò come dell'acqua che scivola addosso alla gente, li bagna per un pò e poi dopo due secondi sono già a asciutti, senza nemmeno essersi ricordati di essere stati bagnati. E la cosa mi sorprende...non dovrebbe funzionare così...

11:28 AM

Sunday, June 01, 2003  
Ce l'abbiamo fatta!
Lo spettacolo è andato, bene, anzi benissimo, non poteva andare meglio
E io per questa cosa sono molto soddisfatta, e felice di me.
Per un sacco di cose, per essere andata avanti nonostante il terrore, e la gente che sosteneva che non ci saremmo riusciti, che io non ci sarei riuscita, per non aver lasciato in braghe di tela uno dei miei migliori amici, perchè dopotutto ci sono delle priorità al mondo, per avere avuto il giusto atteggiamento, e aver mostrato la consapevolezza di essere pessima, dimostrando poi di non esserlo così tanto, perchè mi sono impegnata tanto in questa cosa e in due settimane ho contribuito a mettere su una piccola opera delicata e piacevole, e sopratutto per essermi buttata, e questa ancora una volta si è dimostrata essere la cosa giusta e il mio punto forte.
Sono soddisfatta, sono entusiasta, e mi sento di dover continuare su questa strada, perchè è questa cosa così difficile, e complessa e anche tanto dolorosa che alla fine mi fa sentire davvero viva.
Si sta sul palco un istante, in cui neanche si realizza cosa si sta facendo,
poi si scende e si è terrorizzati e spaventati e arrabbiati per essersi mangiati una battuta o per sentire che non si è stati abbastanza bravi e quando l'andrenalina si placa, allora arrivano i pensieri e le paranoie e le lacrime e si cercano le conferme.
Poi tutto ritorna lucido e non si può fare a meno di essere felici.
Venerdì è stato un giorno lunghissimo, come se fosse durato sei mesi, come se tutto quello che ho vissuto negli ultimi tempi fosse rimasto indietro.
Eppure il vuoto rimane, la chiarezza e la lucidità rimangono lontane da raggiungere, non so cosa voglio, non so se starei meglio se chi se ne è andato tornasse, in un modo qualsiasi, forse lui mi piacerebbe ancora, ma credo che il punto sia un altro, credo che sarei io che non mi piacerei se stessi con lui, ho capito che non ero una bella me stessa quando stavo con lui.
Ma non sarebbe più facile cercarlo di nuovo?
Credo che per ora la domanda rimarrà senza risposta, non lo cercherò, perchè in fondo penso che lui non valga la pena di essere cercato.
Credo...
Dovrei scrivere capitoli su gente che si è comportata inaspettatamente male, ma non me la sento, perchè in fondo so di avere avuto le mie colpe anche io, e perchè non m'importa molto in questo momento. E' come se tra di noi sentissi un legame troppo profondo, per essere intaccato da delle piccole meschinità del presente, cristallizzato nella nostra adolescenza. Non mi interessa quello che fanno adesso, è stato quello che hanno fatto in passato che ha contato davvero, e che in un certo senso li salverà sempre, davanti ad ogni azione stupida o dolorosa.
Perchè non li sento molto parte del mio presente.

Per essere artisti ci vuole cuore
e sincerità
Voi ci avete messo cuore e siete stati sinceri...

Ha ragione la Stella.

3:39 PM

 
This page is powered by Blogger.