Un'adorabile fanciulla nel fiore degli anni si ritrova ad affrontare varie avventure in giro per il globo. Dopo Octavia S. sotto il cielo di Irlanda e Octavia S. Shanghai Baby, un'altra entusiasmante avventura della nostra rossa eroina, alle prese con Bologna e nuovi interessantissssssimi personaggi


























 
Archives
<< current













 
This is where you stick random tidbits of information about yourself.



























Imprevisto Dicembre
 
Monday, May 12, 2003  
Luis Armstrong canta luci di una lontana metropoli,
di una New York anni quaranta vissuta quando ero un'altra me, sempre giovane.
o forse canta le luci di un dimesso locale a Shanghai,
di un'orchestra nell'ombra,
di una sottile cantante orientale,
di parole, parole, parole
Luis Armstrong canta il ricordo di una sera dell'est
canta di me.
E' passato un anno da quella notte di buddha bar, gin lemon, tai chi, e albe spese alla ricerca di un mare.
Nostalgia.
Gratitudine.
E' ancora qui, tra lettere, ricordi, rose impolverate, magliette e mani d'oro appese al muro.
Mi manca Nasa, o forse è un altro.
Si intrecciano, si aggrovigliano, si confondono, e rimane solo l'ideale.
Sono sola, ma così ricca, e così stupida a scordarmene tanto spesso.
Ho avuto tantissimo, velocemente.
Non potrei essere più felice, e più fortunata per tutto quello che ho avuto.
Ora devo saper accettare la calma e la serenità.
Essere felice della serenità.
Senza smettere di cercare.
Non posso addormentarmi.
L'ho già fatto, e il risveglio è stato atroce.
Resta sveglia cara me.

3:40 PM

 
This page is powered by Blogger.